NEWS

15/10/2019 12:27

RAIDHO … IN SELLA!

Sei consapevole di ciò che comunichi al tuo cavallo?

Raidho Healing Horses Centre Gargnano

Quante volte sei veramente consapevole di ciò che comunichi al cavallo? Da terra e quando sei in sella?

Quanto è chiaro il tuo linguaggio con il tuo cavallo? Hai un linguaggio adatto alla comunicazione con un cavallo, adatto alla sua natura, non a quella umana?

Osservando i grandi maestri dell’equitazione, i campioni di una volta e quelli di oggi, si nota che quando sono impegnati con il lavoro del cavallo sono seri e focalizzati. Quasi in un altro mondo. Non si distraggono, non guardano altrove, sembra che esistano solamente loro e il proprio cavallo.

Riportiamo ancora una volta i consigli e il metodo della campionessa tedesca del dressage, Jessica von Bredow-Werndl e di suo fratello Benjamin Werndl i quali prima di entrare al mattino in scuderia, si prendono il tempo per una meditazione e un piccolo esercizio di respirazione, per liberare la testa da tutti i pensieri, per essere emotivamente neutrali e non distratti, ma presenti durante il lavoro con i cavalli.

I Cavalli vivono esclusivamente nel qui e ora e non hanno bisogno né di essere trattati come un peluche né come un figlio. Hanno bisogno di un trattamento equo alla loro natura, l’essere cavalli, sempre con il massimo rispetto e con l’utilizzo di un linguaggio comprensibile. 

La trainer tedesca Alexandrea Rieger, che conosciamo per il suo meraviglioso centro Raidho Healing Horses ha sviluppato un modo per facilitare a noi umani il farci comprendere, non solo tra di noi, ma anche dai cavalli, attraverso il metodo "Raidho, a cavallo dei 7 chakra" che poi ha portato ulteriormente in sella, come base per ogni stile di equitazione, perché solo quando io come cavaliere riesco a farmi capire dal mio cavallo e ho guadagnato la sua fiducia e rispetto, potranno avere senso i passi ulteriori. 

Il prerequisito per salire in sella è di aver concluso i workshop sui primi quattro chakra, dove nel primo, dedicato al Mulhadara, che significa stabilità, si impara a diventare un punto di riferimento, arrivare nel qui ed ora e liberarsi da tensioni nel corpo che distraggono. Nel secondo, relativo al Svadhistana, si impara a neutralizzare le emozioni, perché solo liberandoci di essi che si può tentare un approccio al cavallo. Nel terzo chakra, Manipura, si estende il proprio potere, la capacità di porre il focus e quindi dare una direzione diventando un punto di riferimento e infine nel quarto, l’Anahata,  si attivano le qualità del cuore per imparare ad agire sulla base di ciò che suggerisce il cuore, non la mente, attraverso energie. E sono proprie le energie che ci permettono di entrare in comunicazione con i cavalli. Più benevoli le nostre energie sono, più il cavallo sarà dalla nostra parte, senza coercizione. Più queste energie saranno tese, poco chiare, o addirittura caotiche più il cavallo cercherà di allontanarsi o di andare contro. 

L’attivazione dei primi quattro chakra ci permette inoltre di diventare congruenti nel nostro pensare, sentire, volere e agire, fondamentale nel lavoro con i cavalli, soprattutto in sella. Basti pensare per esempio a una serpentina che non potrà mai essere eseguita correttamente, se per esempio nei pensieri sono distratta, non sento il cavallo, vorrei fare la serpentina ed agisco con degli aiuti incongruenti. Chaos. Se invece entro nel presente, sento il cavallo e il suo movimento, e con la volontà e il corpo faccio il possibile perché la serpentina venga eseguita con successo, il risultato sarà già diverso.

Dei precetti che sembrano semplici, essenziali per il lavoro con i cavalli, ma anche nelle nostre relazioni umane, perché, seriamente parlando: voi vi fidereste e seguireste una persona non chiara, insicura, senza potere e senza dolcezza nelle sue azioni? Allora perché dovrebbero farlo i cavalli?

Intraprendi anche tu questo percorso con il cavallo, rivolto a chi è istruttore equestre, a chi monta e a chi lavora in rettangolo con cavalli e persone. Prossimo appuntamento, il 16 e 17 novembre per partire proprio dal primo chakra, dalle radici!

 

https://www.raidhohealinghorses.com/

 

Cosima von Klebelsberg