NEWS

05/08/2019 13:53

NBHA WORLD CHAMPIONSHIP 2019

Il Team Italia torna soddisfatto da Perry

Team Italia a Perry/USA

Uno degli apuntamenti piu’ attesi, durante la stagione agonistica di Barrel Racing, e’ quello del NBHA YOUTH WORLD CHAMPIONSHIP, il Campionato Mondiale Giovanile di Barrel Racing che si svolge a Perry, ridente cittadina della Georgia americana, dove confluiscono per la settimana di gare, tutti i binomi qualificati dai vari stati americani, nonche’ dagli stati internazionali, che tengono particolarmente a questo appuntamento, trasformando la splendida struttura della National Fair Ground, con l’arena principale con aria condizionata, che puo’ ospitare fino a 2.000 spettatori, con altre 4 arene coperte, 1.800 box, 2 cliniche veterinarie mobili, il quartiere dei maniscalchi e l’innumerevole numero di super trailer americani, in un vero e proprio paese.

NBHA ITALIA, insieme alla FITETREC-ANTE, che spinge particolarmente sull’attivita’ giovanile ed internazionale, ritiene questa partecipazione importante, di prestigio ma anche una esperienza davvero particolare per i giovani cavalieri che partecipano.

500 cavalieri dagli 8 ai 12 anni (YOUTH) e 900 tra i 13 ed 1 19 anni (TEEN) si sfidano per qualificarsi per la finalissima del sabato; 2 go, passano i primi 20 di ognuna delle 5 divisioni previste (15 per gli YOUTH) ed il sabato ci si gioca il titolo in un unico go secco, finale al fulmicotone.

Nei vari anni di partecipazione, dalla gestione di presidente Riccardi, non siamo mai riusciti a qualificare un nostro cavaliere per la Finale; le memorie storiche narrano di una qualifica nella categoria Youth di Gerry Liguori, qualche anno fa, mentre per la categoria OPEN, Alessandro Favaro era riuscito, pochi anni fa, a qualificarsi per la finale, guadagnandosi l’agognata fibbia che tutti i finalisti ricevono come premio.

Il Team Italia, e’ costituito quest’anno dal Campione Italiano YOUTH in carica, Tobia Pezzano, accompagnato da Leonardo ed Asia Prezioso, Zeudi Cavazzini ed Andrea Sara Sanchioni, in quanto NBHA ITALIA ha sempre spinto piu’ giovani cavalieri a partecipare a questa esperienza.

Da qualche anno ormai, NBHA ITALIA, si affida per il noleggio dei cavalli, a Nicole Monroe, una delle professioniste riconosciute e compagna di Brett Monroe, noto preparatore e garista specializzato nei Futurity; il programma prevede un paio di giorni spesi con Nicole, per il primo contatto con i cavalli, qualche prova, eventuali cambi, qualche correzione e poi le prove a piena velocita’; i cavalli ci sembrano molto buoni e veloci e nelle prova si nota la grande differenza tecnica tra noi e gli altri cavalieri internazionali clienti di Nicole, come Sudafrica e Australia; tutto questo prima del trasferimento a Perry, sul campo gara, dove si arriva il Sabato, non senza aver speso qualche ora di shopping.

Il primo contatto con la maestosa arena e’ sempre un po’ traumatico e lascia il segno anche a cavalieri un po’ sfrontati come Tobia, o tutti di un pezzo come Leonardo, mentre Zeudi , alla sua seconda presenza, cerca di ammorbidire la situazione facendo da “Cicerone” a due intimidite Asia e Andrea.

Da un paio d’anni e’ stato inserito il PayTime, che da l’opportunita’ di entrare con il cavallo e provare l’ingresso in arena, sentire la sferzata di aria fredda e rompere il ghiaccio, in modo che il primo go sia di fatto gia’ gara e non un primo approccio a tutta una serie di sensazioni.

La settimana di gare vola via in un attimo; le visite agli stand di vendita presenti, l’attesa per vedere le gare dei nomi noti, le superstar giovanili ed il calendario che prevede ogni giorno almeno uno dei nostri cavalieri impegnato in gara, ci lascia la sola giornata di mercoledi libera per lo shopping.

Primo Go: Asia rompe il ghiaccio ed e’ la prima a scendere in arena; 16,394 siamo in 4° Div , Zeudi 15,845, Andrea 15,976, Tobia butta tra le ire del Professore Adamo ed infine Leonardo 16,131 finira’ 18esimo in 4° Div. ..... e siamo qualificati per la FINALE !!!!

Il giudizio tecnico e’ assolutamente positivo sui nostri cavalieri che sono nella parte della media alta di tutti i cavalieri presenti.

Considerando una statistica di una decina di cavalieri in prima divisione, una novantina in seconda division, i nostri si piazzano in media dopo una cinquantina di terza divisione, vale a dire siamo intorno al 150esimo posto sui 900 iscritti ....... Medio alta.

Intanto il posto in finale e’ nostro, finalmente !

Secondo go: Tobia piazza un 15,857; Andrea 15,899 e Zeudi 15,885 tutti li’ sperando che il tempo del vincitore sia intorno al 14,800 per magari piazzare qualcun altro in Finale ; Asia butta e Leonardo corre in 16,131; il miglior tempo di 14,6 di una strafavorita McKenzie Morgan, gli permette di vincere la 5° Diviaisione ed incassare un assegno di qualche centinaia di dollari, ma butta fuori dalla finale i nostri 3 cavalieri .... Peccato.

Sabato Finale; emozioni e pelle d’oca a vedere i nostri cavalieri con il tricolore a rappresentare il nostro movimento ed ancora piu’ emozione sentire stropiare il nome di Leonardo Prezioso, nella chiamata individuale dei Finalisti ...... si’ ci siamo anche noi.

Si parte in ordine inverso di qualifica quindi Leo e’ nella prima meta’ e piazza 16,273 che alla fine varra’ l’undicesimo tempo in quarta divisione, sfiorando anche il montepremi in finale; gara che diventa entusiasmante verso gli ultimi binomi , qualificati con tempi sempre piu’ veloci.

Abby Gray, Michael Duffie, Mckenzie Morgan danno spettacolo con gare spettacolari che infiammano il pubblico in arena ma alla fine e’ Bayleigh Choate, allieva americana della nostra Nicole Monroe, a piazzare un 14,694 che vale il titolo, l’assegno di 3.000 dollari, il trailer, la sella ed una serie infinita di prmi offerti dagli sponsor oltre che le copertine delle riviste specializzate e dei vari social.

E’ finita, anche quest’anno il tempo e’ volato e resta quella strana sensazione di trovarsi proprio bene in un’atmosfera familiare dove potresti anche pensare di fermarti per un po’ !

Cena tradizionale alla SteakHouse ed al mattino, pulizia auto dalle irrinunciabili ed identificative scritte “TEAM ITALIA” e trasferta verso l’aeroporto con la consolazione che tra qualche ora ci aspettano un vero caffe’ espresso e piatto esagerato di pasta italiana.