NEWS

02/05/2019 15:07

NAYEL IL FARAONE

L'egiziano scrive la storia dei Longines Masters

SPORTFOT

Un grande, grandissimo Nayel Nassar è stato il protagonista assoluto di questa edizione dei Longines Masters di New York. 

Venerdì in sella a Lucifer V ha battuto qualsiasi tempo record stabilito dagli avversari e si è aggiudicato la Longines Speed Challenge dedicando la vittoria alla fidanzata Jennifer Gates che compiva gli anni proprio quel giorno.

Non era la prima volta per lui portare a casa la gara di velocità dato che in sella al suo fedele Lordan ce l’aveva già fatta nel 2016 a Los Angeles.

Ma nessuno si aspettava di sentire nuovamente l’inno egiziano a New York e soprattutto non nel Grand Prix. Eppure è andata proprio così. Il percorso base di Frank Rothenberger è stato superato senza nessun errore solamente da sei cavalieri gli unici quindi ad avere maggiore chance di vittoria.

Il primo a concludere un doppio netto è stato l’irlandese Brian Cournane che ha fermato il cronometro a 45.88 secondi. Viene però superato da Daniel Bluman con 41.95 secondi, a sua volta battuto da Olivier Philippaerts con i suoi 40.93 secondi. Poi è il turno di Harrie Smolders e Une de l’Othaine che portano a termine il percorso in soli 39.46 secondi, lasciando l’arena all’ultimo binomio, il più temuto dato che aveva già dimostrato di essere veloce. Ed effettivamente non ha deluso le aspettative: a Nayel Nassar e Lucifer V bastano solamente 38.59 secondi per chiudere la gara, portarsi a casa la coppa e scrivere un pezzo di storia.

Non era mai successo prima infatti che un cavaliere trionfasse sia nella Speed Challenge che nel GP di uno stesso evento, in questo caso addirittura con lo stesso cavallo.

Un’impresa unica, da vero faraone. 

 

Maira Mohamed