NEWS

15/04/2019 09:51

Comunicato stampa FISE

LUCA MARZIANI E' CAMPIONE ITALIANO 2019

Argento per Filippo Codecasa; bronzo a Paolo Adorno

© Horses Media: Luca Marziani in azione su Tokyo du Soleil

È Luca Marziani il Campione Italiano 2019 di salto ostacoli. Nato a Civita Castellana, in provincia di Viterbo, (40 anni il prossimo ottobre) Marziani, che monta con il grado di aviere capo per il Centro Sportivo dell’Aeronautica Militare, ha conquistato il suo primo titolo tricolore oggi, sabato 13 aprile, sui campi dell’Horses Riviera Resort di San Giovanni in Marignano al termine dei Campionati Italiani assoluti “Parlanti”.

 

Insieme a lui un impeccabile Tokyo du Soleil (Prop. LM Srl), cavallo di punta, con cui Marziani ha ottenuto i più grandi successi della sua carriera fino ad oggi. Tra questi, impossibile dimenticare, la vittoria con l’Italia nellaCoppa delle Nazioni dello CSIO di Roma Piazza di Siena nel 2018

 

L’aviere capo ha costruito dal punto di vista tattico il suo Campionato con una gara praticamente perfetta nella seconda giornata di oggi, una prova a due manche. Decimo dopo la prima giornata di ieri, una prova a tempo tabella C (che probabilmente non rappresenta – per le particolari caratteristiche - la gara preferita di Tokyo du Soleil), Marziani ha saputo attendere, dando il tutto per tutto nella sua prova: quella a due manche, mettendo in cassaforte un doppio percorso netto, con una sola penalità per il tempo al secondo giro. Risultato che ha consegnato all’aviere capo la medaglia d’oro. Quello composto da Marziani e Tokyo, peraltro, è stato l’unico dei 46 binomi a chiudere il primo tracciato, disegnato dallo chef de piste Uliano Vezzani, senza penalità (3.05 i punti negativi totali del Campionato). 

 

“Sono contento - ha detto Luca Marziani - non solo per la medaglia d’oro che mi riempie di gioia, ma anche perché ho ritrovato subito Tokyo du Soleil in uno stato di forma splendido. Poteva essere questa l’unica mia preoccupazione, visto che il mio cavallo era a riposo dallo scorso novembre. È bastato saltare due gare del Toscana Tour di Arezzo, che peraltro sono andate molto bene, per averlo nuovamente al top della forma. Oggi ho sentito il Tokyo di sempre e sono davvero felice. Questo successo - ha concluso Marziani - deve essere condiviso con chi è al mio fianco giorno dopo giorno; per questo ci tengo a ringraziare tutto il mio staff, a partire dal mio groom Jose, che conosce perfettamente Tokyo, lo rispetta e lo fa sentire sempre una superstar, per andare avanti con lo staff veterinario e tutti quelli che contribuiscono con il proprio lavoro ai risultati del team”.

 

A ottenere il secondo gradino del podio e la conseguente medaglia d’argento è stato un cavaliere giovane: il venticinquenne di Treviglio (Bg) Filippo Codecasa in sella a Giulio 8. Il carabiniere scelto, al diciottesimo posto dopo la prima prova di ieri ultimata con un percorso netto non troppo veloce, è stato protagonista di una eccezionale rimonta, che lo ha visto concludere la gara odierna con 2 penalità nella prima manche e 5 nella seconda e un totale di 10.35 punti negativi nell’intero Campionato.

 

È davvero esiguo il distacco sul terzo gradino del podio. La medaglia di bronzo è andata con un totale di 10.43 punti negativi accumulati in tutto il Campionato al cavaliere siracusano, ormai da anni residente a Roma, Paolo Adorno in sella a Fer Z.G (Prop. Paolo Adorno). Adorno, che ha dedicato la sua medaglia al padre scomparso recentemente, ha effettuato una gara molto regolare con un errore nella prova a tempo tabella C di ieri e uno per ognuna delle due manche di oggi. 

 

 

La classifica dei Campionati Italiani assoluti “Parlanti” prosegue con il quarto posto di Claudio Minardi su The Best Of Bel (11.24), il quinto dell’agente delle Fiamme Oro Federico Ciriesi su Calais d’Argilla Z (11.59), il sesto del sei volte Campione d’Italia Roberto Arioldi su Chiclone (12.27), il settimo dell’appuntato scelto Massimo Grossato su Lazzaro delle Schiave (12.94), l’ottavo di Juan Carlos Garcia su Gitano v Berkenbroeck (13.00), che ieri si trovava al comando della classifica provvisoria, il nono posto del 1° aviere scelto e campionessa uscente Giulia Martinengo Marquet su Elzas (13.56) e il decimo di Emiliano Liberati su Davarusa (15.98). Clicca qui per la classifica completa. 

 

All’aviere capo Luca Marziani e Tokyo du Soleil va anche la medaglia d’oro del Campionato Italiano Interforze estrapolata dalla classifica finale del Campionato Assoluto. Conseguente medaglia d’argento per il carabiniere scelto Filippo Codecasa su Giulio 8, mentre medaglia di bronzo per l’agente delle Fiamme Oro Federico Ciriesi su su Calais d’Argilla Z. Mentre scriviamo è in corso il Campionato Italiano interforze a squadre.

 

CONVOCAZIONE DIRETTA PER PIAZZA DI SIENA- I primi tre cavalieri classificati non hanno messo in cassaforte solo una prestigiosa medaglia tricolore, ma in virtù del risultato conseguito hanno ottenuto anche una convocazione di diritto – secondo quanto previsto dal Programma del Dipartimento Salto Ostacoli – per lo CSIO di Roma Piazza di Siena 2019(20/26 maggio). Luca Marziani, Filippo Codecasa e Paolo Adorno sono, infatti, i primi tre cavalieri italiani che faranno parte della rosa degli azzurri in occasione del concorso internazionale ufficiale che si svolgerà a Villa Borghese alla fine di maggio. 

 

Grande soddisfazione traspare dalle parole del Presidente federale, Marco Di Paola, che ha messo le medaglie al collo dei vincitori. “Siamo molto contenti – ha detto il presidente federale Marco Di Paola- per la conclusione dei Campionati Italiani Parlanti 2019, che hanno visto un podio importante, su cui hanno trovato posto Marziani, Codecasa e Adorno. Un Campionato con risultati eccellenti, ma soprattutto con binomi che hanno davvero dimostrato di essere all’altezza della situazione”.

 

“È stato un bel campionato – ha commentato il Selezionatore azzurro, Duccio Bartalucci– in cui non sono certamente mancate le emozioni. Luca Marziani ha gestito il suo vantaggio dopo la prima manche e ha coronato quello che per ogni cavaliere può essere considerato un sogno: vincere il titolo tricolore. Per il resto è stata una gara aperta, con un secondo giro determinante per la seconda e terza posizione. Arioldi, Garcia e Martinengo erano davvero a un passo dal podio. Poi, grazie a una grande rimonta, sono risaliti Filippo Codecasa e Paolo Adorno, autori di una bellissima prova. Federico Ciriesi (secondo nella gara a due manche ndr) ha pagato lo scotto della prova a tempo tabella C di ieri. Un Campionato – ha concluso Bartalucci - che ha dato davvero bei segnali nell’ambito di una gara appassionante per il pubblico e per gli addetti ai lavori”. 

 

CONSULTA QUI L'ALBO D'ORO DEI CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI DI SALTO OSTACOLI