NEWS

30/09/2019 12:11

COMUNICATO STAMPA

GRAN FINALE AL SARDEGNA JUMPING TOUR

I cavalieri sardi Lampis, Guspini, Carboni, Murruzzu e Salis sfidano i fuoriclasse Govoni e Chiaudani

SJT
<!-- p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 13.0px 'Avenir Next'; -webkit-text-stroke: #000000} p.p2 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 13.0px 'Avenir Next'; -webkit-text-stroke: #000000; min-height: 18.0px} span.s1 {font-kerning: none} -->

Con un crescendo di spettacolo e tecnica, arriva alle giornate finali il Concorso nazionale 6* di salto ostacoli che in questo secondo fine settimana mette in palio 53.500 euro di montepremi grazie alla Regione Sardegna. Il campo gara di Tanca Regia (Abbasanta) ospiterà a partire dalle 8.30 le gare rimaste di un evento iniziato il 20 settembre che ha coinvolto oltre 170 cavalli.

Le gare più importanti di sabato sono la C130 Derby e la C135 a tempo, mentre domenica c'è l'attesissima C145 Gran Premio a due manches e la C130 a tempo qualificante. I favoriti sono l'olimpionico Gianni Govoni, che nello scorso weekend ha fatto la doppietta al Gran Premio in sella a Lucaine e Bella Fayvinia Z, e il plurimedagliato Natale Chiaudani che ha già vinto nelle edizioni passate e il caporalmaggiore dell'Esercito Simone Coata.

Non staranno però a guardare i binomi sardi che hanno già vinto qualche gara di rilievo o sono comunque saliti sul podio. E così ci provano Andrea Guspini, Giovanni Carboni, il giovane e talentuoso Emanuele Lampis, Gianleonardo Murruzzu, Maria Francesca Salis. Senza dimenticare la campionessa regionale Raffaela Montis e il young rider Francesco Irasci.

57° Premio Regionale- Sabato mattina si concluderà con le finali di salto in libertà per i puledri di tre anni il Premio Regionale sardo, l'altro grande evento organizzato dall'agenzia regionale Agris con la collaborazione di Anacaad, l'Associazione Nazionale Allevatori Cavallo Anglo Arabo e Derivati, e Fise Sardegna. Quasi 200 puledri nati tra il 2016 e 2018 si sono confrontati nelle diverse prove per staccare il pass alle finali Nazionali di Verona. Più in generale poi è stata una grande vetrina dell'allevamento sardo che grazie alla concomitanza col Sardegna Jumping Tour ha consentito ai cavalieri continentali e stranieri di poter dare un'occhiata ai cavalli sardi.