NEWS

26/08/2019 12:32

Jumping Sum Up

EUROPEI 2019 JUMPING

Il Belgio e Martin Fuchs scrivono la storia a Rotterdam

FEI/Dean Mouhtaropoulos/Getty Images

E’ stato un campionato europeo fenomenale ricco di colpi di scena e adrenalina fino all’ultimo secondo, tipico delle gare di salto ostacoli.

Tutto inizia mercoledì  21 Agosto con la prima gara di qualifica che ha visto a fine giornata la ranking provvisoria delle squadre nelle mani della Germania e quella individuale invece dominata dal campione europeo in carica Peder Fredricson.

Giovedì il pubblico è testimone di una delle giornate più fantastiche del campionato: Pieter Devos, Gregory Wathelet e Jos Verlooy mettono la firma su tre round incredibili e senza errori che fan sì che il Belgio scali la classifica passando dalla posizione numero otto alla uno.

A livello individuale invece a splendere è il Britannico Ben Maher sul suo Explosion W che relega in seconda e in terza posizione rispettivamente lo svizzero Steve Guerdat e il francese Alexis Deroubaix.

Quanto ha fatto il Belgio è talmente incredibile che basta davvero poco per far sì che quella posizione provvisoria diventi definitiva e così è stato: per loro l’oro arriva venerdì ed è la prima medaglia in assoluto vinta dalla squadra.

La Germania, favorita nel primo giorno, si deve accontentare della medaglia d’argento mentre il bronzo va alla Gran Bretagna.

Con questa vittoria il Belgio non solo è entrato nella storia dei Campionati Europei ma si assicura anche il biglietto per le Olimpiadi di Tokyo 2020. Gli altri due posti disponibili vengono conquistati da Gran Bretagna e Francia.

Il salto ostacoli continua nella giornata di domenica per decretare il campione individuale. A inizio gara la classifica provvisoria vedeva Ben Maher in pole position seguito da Jos Verlooy e Martin Fuchs ed effettivamente la sfida è stata un testa a testa tra i tre.

Jos Verloy, primo dei tre a scendere in campo, con una penalità per il tempo si assicura la medaglia di bronzo lasciando l’arena al binomio svizzero Fuchs/Clooney che invece termina un netto impeccabile agguantando così l’argento. Un argento che però diventa oro quando Ben Maher, ultimo in arena, fa cadere un ostacolo: si dovrà accontentare lui della seconda posizione.

Martin Fuchs diventa così il sesto cavaliere svizzero in 62 anni di storia dei Campionati Europei a conquistare l’oro individuale.

Nulla da fare per l’Italia invece che purtroppo non è riuscita ad essere tra i top: adesso l’unica possibilità che ha per qualificarsi alle Olimpiadi è quella della Finale di Coppa delle Nazioni a Barcellona nei primi di Ottobre. 

 

Maira Mohamed 

CLICCA QUI PER I RISULTATI A SQUADRE 

 

CLICCA QUI PER I RISULTATI INDIVIDUALI