A EL JADIDA TRIONFA ANTONIO MATOS ALMEIDA

Il Morocco Royal Tour sceglie per la terza ed ultima tappa della sua scintillante edizione numero 6 ancora le Salon du Cheval de El Jadida. Salone dall’affascinante e unico sapore medio orientale, all’interno del quale arte e cultura equestre si fondono tra storia e modernità. In questo quadro s’inserisce l’MRT che l’Associacion du Salon du Cheval ha voluto celebrare offrendo quest’anno un’imponente struttura dedicata, completamente nuova e costruita ad hoc per ospitare i grandi campioni del salto ostacoli nazionale ed internazionale.

Eccezionala l’affluenza di pubblico in occasione domenica pomeriggio del gran premio. Alla regia Uliano Vezzani.

35 i binomi al via nella prima manches che uno ad uno sono scesi in campo a caccia della qualifica per il secondo, ultimo e decisivo round.

9 in totale i cavalieri a farcela. Nadja Steiner partita tra i primi ha chiuso con uno splendido percorso senza errori, ma la sua performance è comunque rimasta macchiata dalla penalità accumulata nel primo giro. Ciò nonostante l’elvetica ha preso la testa della classifica provvisoria che ha tenuto fino alla fine. A nulla sono valsi gli attacchi del beniamino di casa Kebir, che tradito dal suo fantastico Quickly ha chiuso successivamente in quinta posizione. Niente da fare neanche per Ramzy Hamad  Al Duhami che in sella ad Al Capone è finito terzo.

A stupire tutti invece ci ha pensato il cavaliere portoghese Antonio Matos Almeida che assieme al meraviglioso Nikel de Presle, da Kannan, sotto lo sguardo attento di Sua Altezza Reale il Principe Moulay Rachid, in chiusura ha ribaltato la situazione a suo favore raccogliendo l’entusiasmo del grande pubblico.